S A N T A C I T T A R A M A   M O N A S T E R O   B U D D H I S T A

Novità   Programma   Visitare   Comunità   Foto   Buddhismo   Meditazione   Insegnamenti

 

 

Donazioni

 

Contributi a mezzo bonifico possono essere eseguiti sulle seguenti coordinate bancarie:

Intestazione: Associazione Santacittarama

IBAN: IT39G0306973740100000001452

BIC/SWIFT: BCITITMM

Banca: Intesa Sanpaolo

Informiamo che coloro che desiderano sostenerci con una erogazione liberale deducibile (possibile grazie all'Intesa del 2013 per una somma fino a 1,023 euro) potranno farlo effettuando la propria donazione tramite bonifico direttamente all’Unione Buddhista Italiana al seguente IBAN: IT73C0100514004000000001171 e indicare nella causale: "Erogazione liberale per attività di culto a favore dell'associazione Santacittarama".

Per rendere la donazione deducibile mediante il rilascio di una ricevuta sarà necessario comunicare anche il codice fiscale del donatore alla segreteria dell'UBI. Al fine di facilitare in tempi brevi la corretta assegnazione della vostra erogazione vi chiediamo la grande cortesia, dopo aver fatto il bonifico sul conto corrente UBI, di darcene comunicazione inviandoci il vostro codice fiscale: sangha@santacittarama.org

~ ° ~

O monaci, i brahmani e i capifamiglia vi sono di grande aiuto: vi forniscono le vesti, il cibo della questua, un riparo e le medicine necessarie in caso di malattia. Ma anche voi, o monaci, siete di grande aiuto ai brahmani e ai capifamiglia, perché insegnate loro il Dhamma, che è buono all’inizio, buono nel mezzo e buono alla fine, dotato di un significato profondo, corretto da un punto di vista formale, assolutamente perfetto e puro; voi mostrate loro la vita pura. Così, o monaci, questa vita pura è vissuta con il sostegno reciproco degli uni e degli altri, al fine di attraversare la corrente, per porre completamente fine alla sofferenza”.

Parole del Buddha (Itivuttaka, 107)

~ ° ~

Come tutti i monasteri appartenenti a questa tradizione, il Santacittarama e la comunità residente si sostengono sulla base di libere donazioni e contributi in cibo e altri generi di prima necessità, nonché sulla condivisione di risorse personali in termini di lavoro manuale e intellettuale. Il soggiorno è gratuito, ma ogni contribuito economico, per quanto modesto, è apprezzato per coprire le spese correnti. Le eventuali rimanenze sono destinate al finanziamento di progetti volti a sostenere l'insegnamento e la pratica del Buddhismo in Italia.